asparago bianco

Fresco e dal sapore delicato, ma soprattutto bianco: l’Asparago bianco di Cimadolmo, piccolo paese della provincia di Treviso e patria di questo delicato germoglio, è uno dei protagonisti della cucina primaverile.

Coltivato con la fertile terra della pianura alluvionale del Piave e coperto da teli scuri che non lasciano filtrare la luce, non viene sottoposto ad alcuna lavorazione nè a metodi di lunga conservazione e perciò lo si trova disponibile sulle nostre tavole solo nei mesi di aprile e maggio. Raccolto nelle prime ore del mattino per preservarlo dal contatto con i raggi solari e da quei riflessi verdacei o rosa che lo deprezzerebbero, mantiene intatta la sua personalità dalla terra alla tavola. La zona di produzione è concentrata nel cuore della pianura trevigiana ed interessa 11 comuni dell’area, tra cui quello di Ormelle.

Ha un colore bianco alabastrino, senza sfumatore, e al palato si presenta tenero e dolciastro, dall’aroma rotondo e delicato, ottimo come unico ingrediente di piatti tipici della nostra tradizione locale ed in abbinamento ai vini bianchi dell’ Area Doc Piave come il Manzoni Bianco 6.0.13, varietale autoctono dalle inconfondibili note aromatiche ed il Sauvignon che ha trovato nelle Grave del Piave un terreno ideale per la vigoria del suo bouquet.

Svejo: brillante e capace di sorprendere chi, come il nostro Manzoni Bianco 6.0.13, è schietto e deciso
Mejo: “al meglio” si dice di chi, come il nostro Sauvignon, esalta ed esprime la purezza dei suoi profumi